scarica la brochure del sentiero glaciologico della Val Martello
Sentiero Glaciologico della Val Martello Il   sentiero   glaciologico   inizia   pargheggio   del   rifugio   Genziana   e   si   snoda   per   una   lunghezza   di   circa   10 chilometri   con   dislivello   in   salita   di   quasi   600m.   L’itinerario   è   stato   suddiviso   in   nove   tappe,   al   termine di ognuna è stata sistemata una stazione o punto di sosta da cui effettuare le osservazioni. Il   tempo   di   percorrenza,   basato   sulla   velocità   di   un   camminatore   medio,   si   aggira   attorno   alle   5   ore, pause di osservazione comprese.
1a tappa - 30 minuti Lasciata   l’auto   al   parcheggio   si   segue   il   sentiero   che   porta   al   rifugio   Corsi   (2266m),   costruito   nel   1882 dal   Club   Alpino   di   Dresda,   nel   1921   passò   di   proprietà   del   CAI   di   Milano   che   lo   ricostruì   nel   1927, dedicandolo   alla   memoria   di   Nino   Corsi,   sciatore   e   alpinista.   Intoeno   al   rifugio   si   notano   una   chiesetta ed alcuni ruderi, sede del comando militare austricao durante la Prima Guerra Mondiale. Nell’area   antistante   il   rifugio   e   ai   suoi   lati   numerose   rocce   lisciate   e   tondeggianti   con   striature   causate   dallo   sfregamento   del   materiale morenico trascinato dal movimento del ghiacciaio 7000 anni fa.
2a tappa - 15 minuti Dal   rifugio   Corsi   si   segue   il   sentiero   fino   al   superamento   del   gradino   di   valle,   da   dove   si   ammira   uno speldido   panorama   dominato   dal   Cevedale.   Si   raggiunge   la   seconda   stazione   situata   sul   bordo   sinistro della   diga   di   pietra   (2318m),   costruita   con   la   tecnica   del   muro   a   secco   utilizzando   grandi   massi,   su uno   di   questo   è   incisa   la   data   1893.   La   costruzione   di   tale   diga   aveva   lo   scopo   di   dare   sicurezza   alla popolazione del fondovalle, bloccando eeventuali alluvioni. Il   versante   destro   orografico   è   caratterizzato   da   un   grande   e   articolato   terrazzo   su   cui   poggiano   alcuni   ghiacciai:   Vedretta   Serana   e   Ultima. Al   centro   della   valle   si   notano   le   grandi   morene,   attribuibili   alla   piccola   età   glaciale   e   prodotte   dalle   lingue   del   ghiacciaio   del   cevedale   e   della Vedretta Lunga.
3a tappa - 15 minuti Prima   di   attaversare   la   diga   si   può   visitare   la   parte   iniziale   della   forra   formata   dal   rio   Plima   fino   alla galleria   artificiale,   scavata   per   consentire   il   regolare   deflusso   delle   acque   in   caso   di   piena   improvvisa. Superata   completamente   la   diga   con   una   divertente   passeggiata,   si   giunge   ai   piedi   della   partee rocciosa   da   cui   scende   una   cascata   formata   dalle   acque   della   Vedretta   Alta.   Qui   si   trova   il   successivo punto di sosta. Si nota il caotico accumulo di materiale dedritico, fra cui una torbiera, depositato in tempi recenti in seguito a frane e valanghe.  
4a tappa - 30 minuti La   tappa   si   presenta   come   la   più   impegnativa   dell’intero   percorso;   si   risale   il   salto   di   roccia   di   quasi 200m   di   dislivello,   seguendo   il   sentiero   n°   3,   fino   al   punto   di   sosta   (2550m),   posto   sul   sovrastante terrazzo. Spettacolare è la visione delle montagne circostanti fra cui spicca il Gran Zebrù. Si notano una serie di terrazzi, corrispondenti alle diverse fasi erosive, e cordoni morenici formatisi dai circhi delel Vedrette Alta e Ultima.
5a tappa - 30 minuti Si   riperende   il   percorso   e,   superata   una   piccola   ma   caratteristica   pozza   d’acqua,   si   prosegue   fino   a raggiungere   la   fronte   delal   Vedretta   Alta,   dove   si   trova   il   punto   di   sosta   (2670m)   presso   un   evidente segmale   giallo   sul   alto   destro   orografico   della   fronte:   si   tratta   delle   segnalazioni   utilizzate   dagli operatori del Servizio Glaciologico del CAI Alto Adige per la misure di variazione frontale. L’ambiente   in   prossimità   di   una   fronte   glaciale   si   rivela   sempre   straordinario   per   la   selvaggia   bellezza   che   lo   caratterizza,   e   questo   vale anche   per   la   Vedretta   ALta.   Si   nota   un   arco   morenico   di   for,azione   recente,   riferibile   all’espansione   glaciale   del   1985.   La   notevole   distanza fra il bordo del ghaccio e l’argine morenico corrisponde al ritiro negli ultimi anni.
6a tappa - 15 minuti Procedendo   lungo   il   bordo   del   ghiacciaio   si   notano   alcune   sue   caratteristiche   quali   la   struttura,   il colore,   gli   strati,   la   forma   e   l’aspetto   della   parte   inferiore   dove   il   ghiaccio   posa   sul   letto   roccioso: questa   rappresenta   la   fase   culminante   dell’intera   esperienza   del   sentiero   glaciologico.   Segunedo   il corso   del   torrente   glaciale   di   sinistra   si   punta   il   fondovalle   e   per   traccia   di   sentiero   sulla   cresta   della morena   il   punto   di   sosta   presso   un   grosso   masso   con   alcune   sigle,   in   colore   giallo,   poste   dagli operatori glaciologici. Intressante   è   la   visione   panoramica   della   lingua   del   ghiacciaio   da   una   parte   e   dell’intero   vallone   di   sinistra,   chiuso   tra   le   due   grandi   morene laterali.
7a tappa - 15 minuti Da   quest’ultimo   punto   di   sosta   (2650m)   si   discende   la   morena   e   seguendo   il   sentiero   di   raggiunge   il rifugio   Martello   (2610m);   costruito   del   1081   di   proprietà   dell’AVS,   sorge   su   un   terrazzo   panoramico, base   ideale   per   escursioni   alpinistiche   ad   impostanti   cime;   dal   Cevedale   alla   Venezia,   dalla   Marmotta alla Serana e attraverso la Forcola il Val di Pejo nel Trentino. Si   nota   di   fronte   al   rifugio   l’ampio   bacino   dei   ghiacciai   dell   aForcola,   con   una   interessante   morena   antistante,   e   del   Cevedale,   delimitato dalla cresta rocciosa che sale fino al Zufall; poi in senso orario il grande bacino della Vedretta Lunga.
8a tappa - 30 minuti Lasciato   il   rifugio   MArtello   si   scende   sul   fondovalle   seguendo   il   sentiero   n°   103;   durante   il   tragitto   si possono   notare   alcuni   depositi   morenici   nell   aparte   centrale   della   valle   a   qualche   centinaio   di   metri dalla diga: il più esterno testimonia la presenza di una lingu aglaciale fino ai 2300m di quota. Costeggiando    il    rio    Plima    e    attraverso    un    piccolo    ponte    sul    torrente    alimentato    dalla    cascata proveniente dalla Vedretta Alta, si raggiunge la diga di pietra. Questo punto di sosta si trova compreso tra le soste della 3 a  e 4 a  tappa, pertanto le osservazioni possibili sono le stesse già evidenziate.
9a tappa - 30 minuti Dalla   diga   si   torna   al   rifugio   Corsi   e   seguendo   il   sentiero   si   raggiunge   la   zona   di   arrivo   dove   sorge l’Hotel   Paradiso.   Costruito   negli   anni   1933/35   con   grande   sforzo,   venne   aperto   al   pubblico   nel   1937; durante   la   Seconda   Guerra   Mondiale   divenne   sede   del   comando   militare   tedesco;   acquistato   nel   1952 da   un   privato,   che   lo   ristrutturò   e   lo   dipinse   di   rosso,   passò   successivamente   nel   1966   alla   famiglia Fuchs.
2011 Accompagnamento di un gruppo di turisti
2004 Accompagnamento del gruppo Seniores CAI di Merano
2010 Accompagnamento del gruppo CAI di Rovereto
2013 Accompagnamento del gruppo CAI di Salorno
2013 Accompagnamento del gruppo CAI di Merano